Aghape Ambiente

Stai Visitando: Home » sull'ambiente » Progettare edifici in modo intelligente per soddisfare le esigenze di un target pigro
Martedì, 17 Ott 2017

Progettare edifici in modo intelligente per soddisfare le esigenze di un target pigro

 

1970: il presidente Carter, precursore dei tempi e, per l’epoca, ahimè voce fuori dal coro, proponeva di abbassare i termostati, indossare qualche maglione di lana in più e condurre uno stile di vita equilibrato, in funzione di scongiurare una crisi petrolifera degli Stati Uniti e abbracciare invece l’efficienza energetica.

 


Il presidente Carter, perse le elezioni.

 


Nel frattempo la guerra per il petrolio è nata e continuata, ma nonostante questo, negli anni si è fatta largo anche la tendenza all’essere verdi e all’edilizia sostenibile e  tecnologica.


Eppure, poiché lo spirito autolesionista non fa parte delle mentalità moderne (e quindi di abbassare riscaldamento e coprirsi di più non se ne parla), gli esperti si sono ingegnati per ideare, progettare e realizzare sistemi di costruzione degli edifici  a basso consumo energetico, ma allo stesso tempo comodi e intelligenti.


Sono stati creati infatti diversi sistemi efficaci per l’ambiente eppure alcuni sono più apprezzati di altri. La IDC Energy Insight, azienda leader nel campo della tecnologia e della ricerca di mercato ha analizzato i fattori per cui, a parità di efficacia e risparmi, alcuni sistemi sono maggiormente validi per gli acquirenti ed altri invece si rivelano fallimentari e rovinosi, ed ha individuato quattro punti chiave interessanti da non dare mai per scontati.

 

  • Non-intrusione: se un sistema richiede agli abitanti del palazzo di essere a disagio, fallirà. La chiave per l'efficienza energetica non ha nulla a che fare con il rendere la gente sofferente, consiste invece nell’ individuazione e nell'eliminazione degli sprechi. Un sistema di sensori intelligenti che riconosce i punti caldi e freddi e regola il sistema di ventilazione, di conseguenza, andrà più lontano nella riduzione dei costi energetici rispetto a qualsiasi tentativo di abbassare i termostati

  • Automazione: perché oggi siamo tutti più pigri.

 

Se qualcuno è tenuto a girare un interruttore e poi, in un momento successivo, riaccenderlo, il sistema probabilmente non funzionerà.  Eliminate il controllore umano e il sistema avrà una migliore possibilità di successo.

 

  • Persistenza, che viene conseguente all’automazione. Se una mano poco esperta deve cambiare le impostazione rischia  accidentalmente di modificare qualcosa di importante nel sistema. Quindi meglio evitare di dover far intervenire l’utente. Aumentando la durata delle prestazioni di efficienza energetica, il rischio di danneggiare il sistema sarà inferiore.

  • Last but not least: l’alta e rapida ROI. Ovvero il ritorno dell’investimento per il proprietario dell’edificio. Colpa della crisi economica o della paura di ciò che non conosciamo, siamo spesso riluttanti a investire in nuove tecnologie. L'unico modo per realizzare la vendita è quello di offrire un rendimento molto interessante sugli investimenti e un breve periodo di recupero.

 

 

Videocorsi Ambiente

Iscriviti alla Newsletter Aghape Ambiente!

Prossimi Appuntamenti

No current events.

 Widget Emagister Aghape

Mediateca

E-Learning e Contenuti Digitali
Approfondimenti autorevoli
e contenuti di qualita' 

CALENDARIO FORMAZIONE

Accademia dell'Ambiente
Calendario dei prossimi appuntamenti 

Consulenze Ambiente

Consulenze Ambiente
Eccellenza Professionale
ed Etica Personale
Renewable Energy Topsites