Aghape Ambiente

Stai Visitando: Home » sull'ambiente » Incentivi sulle rinnovabili, prime indiscrezioni del nuovo DM
Lunedì, 23 Ott 2017

Incentivi sulle rinnovabili, prime indiscrezioni del nuovo DM

 

In ritardo sulla tabella di marcia, a fine Febbraio dovrebbe vedere la luce il Decreto Ministeriale relativo alle fonti elettriche da energie rinnovabili, attualmente in fase di preparazione dal Governo Monti.

 

Voci di corridoio fanno preoccupare non poco aziende e associazioni del settore, tra le quali APER (Associazione Produttori Energia da Fonti Rinnovabili), ANEV (Associazione Nazionale Energia dal Vento) e ANIE (Associazione Nazionale Imprese Elettrotecniche ed Elettroniche) che hanno scritto una lettera aperta al Presidente del Consiglio Monti e ai Ministri Clini, Passera e Catania, allarmate dai drastici tagli previsti sugli incentivi della produzione energetica da Agroenergie, Biomasse e Biogas.

 

"Affinché l'Italia possa raggiungere e superare gli obiettivi comunitari del 2020 [...] è necessario garantire un sistema efficiente, certo ed adeguato di incentivi" chiude l'ultimo paragrafo della lettera inviata a Roma, sottolineando come i tagli preventivati possano cancellare velocemente tutto l'impegno e gli investimenti fatti nella green economy negli ultimi anni, provocando anche un drastico calo dei posti di lavoro.

 

I punti critici della manovra contestati dalle associazioni sono: 

 

  • riduzione di oltre 1 miliardo di budget da investire;
  • riduzione fino al 50% per gli incentivi minimi in caso d'asta;
  • il mantenimento della penale da pagare per l'entrata in servizio degli impianti in ritardo;
  • forte riduzione delle tariffe;
  • impossibilità di investire su impianti esistenti per migliorarne l'efficienza energetica.

 

Se da parte del Ministro Clini c'è tutta la volontà di sostenere le aziende italiane ed europee, a discapito di quelle orientali, che hanno sfruttato eccessivamente il precedente sistema di incentivi, queste prime indiscrezioni non promettono bene per il settore, soprattutto nell'ottica del raggiungimento del piano comunitario Europeo che punta alla copertura del 50% del fabbisogno energetico prodotto da fonti rinnovabili entro il 2030. 

 

Una nota positiva arriva proprio dalla Comunità Europea che prosegue il suo progetto IE, Intelligente Energia, volto a finanziare progetti di produzione energetica efficiente, pulita e rinnovabile: per il 2012 sono messi a disposizione 67 milioni di euro, accessibili fino all'8 Maggio.

 

 

Videocorsi Ambiente

Iscriviti alla Newsletter Aghape Ambiente!

Prossimi Appuntamenti

No current events.

 Widget Emagister Aghape

Mediateca

E-Learning e Contenuti Digitali
Approfondimenti autorevoli
e contenuti di qualita' 

CALENDARIO FORMAZIONE

Accademia dell'Ambiente
Calendario dei prossimi appuntamenti 

Consulenze Ambiente

Consulenze Ambiente
Eccellenza Professionale
ed Etica Personale
Renewable Energy Topsites