Manovra finanziaria e Rinnovabili: l'odissea dei tagli

Stampa

 

Nella corsa ai tagli dell'attuale manovra finanziaria il tema delle energie rinnovabili è stato un chiodo fisso nelle menti della Maggioranza. Il "green" ha vissuto una specie di assedio, a dimostrazione di quanto il Governo abbia a cuore questo settore che invece dovrebbe essere strategico per il Paese.

 

 

Tagli energie rinnovabili

 

Dal decreto Romani, passando per il Quarto Conto energia, fino al tentato emendamento di Calderoli dello scorso giugno, si è provato di tutto, compresa l’ipotesi di abolizione del SISTRI - Sistema Elettronico di Tracciabilità dei Rifiuti Speciali e Pericolosi, comunque fortemente limitato rispetto alle idee del 2009 e ora posticipato al 2012 con criteri ancora non chiarissimi.

 

E ora che la manovra è approdata alla Camera, facciamo il punto e tentiamo di capire in che modo la legge economica andrà a influire sul mondo delle rinnovabili e della sostenibilità ambientale. Ecco i temi “caldi”:

 

 

Le conseguenze saranno gravi non solo dal punto di vista dell’occupazione – di fatto si danneggiano due settori in crescita nonostante la crisi – ma anche per quanto concerne i programmi di crescita di settori chiave (e – sottolineiamo – strategici per il Paese) come l’eolico e il fotovoltaico.

 

 

E c’è chi ancora parla di "misure pro-crescrita economica”…