Aghape Ambiente

Stai Visitando: Home » sull'ambiente » Caro Benzina: 5 consigli per evitare la stangata estiva
Martedì, 17 Ott 2017

Caro Benzina: 5 consigli per evitare la stangata estiva

 

Il dolore alla pompa di benzina arriva ogni estate, puntuale come le ondate di calore.

 

Anche per quest’anno gli studi di Energy Information Administration confermano la tendenza ai rialzi del costo del petrolio che prevede, ad oggi, un aumento dei prezzi del 36% superiore all’anno scorso.  Sperando di perdere ancora qualche punto percentuale, ma consapevoli che il carburante è destinato a diventare sempre più salato, alcuni grandi esperti americani del settore ci hanno fornito alcuni consigli per alleviare il problema del caro-benzina.

 

Jonanthan Bardelline della Ford Motor Company, per esempio, ci confida di avvalersi di un sistema telematico di monitoraggio di tutti quei fattori che compromettono l’efficienza di un veicolo: i pneumatici sgonfi, per esempio, su lunghi tragitti aumentano notevolmente il consumo di carburante.

 

Prezzi Benzina


John Boesel presidente di Calstart (azienda statunitense che si occupa della riduzione di gas nell’atmosfera) consiglia caldamente di vagliare l’opzione “veicoli ibridi”. Il brand Coca-Cola ha già provveduto a comprare 900 autocarri ibridi risparmiando in questo modo non solo sul carburante (oggi e in vista della prossima crisi petrolifera), ma anche sull’usura dei freni, piuttosto alta, soprattutto nei camion che si muovono in città.


Il terzo consiglio è dedicato alle aziende, si avvicina al marketing, e ci arriva da Kristofer Bush (vice direttore marketing di Lease Plan, azienda specializzata nella gestione a lungo termine di flotte aziendali). Da imprenditore e uomo di marketing, egli consiglia di usare l’approccio delle 3 P: Profit, People, Planet.  Tenendo presente al tempo stesso gli utili, il benessere psico-fisico delle persone e il rispetto dell’ambiente, si creerà all’interno dell’azienda un equilibrio che renderà il personale più soddisfatto e più efficiente e gli azionisti più felici. Non sarà semplice all’inizio, ma sul medio-lungo periodo la tecnica risulta vincente. Provare per credere.


David Coleman, vice presidente  di GreenRoad dispensa la quarta perla di saggezza: fuor di dubbio difficile da applicare per gli automobilisti italiani, egli è un forte sostenitore della  guida educata.  Punto numero uno: far capire agli automobilisti che una guida educata può ridurre i consumi di carburante del 33% e gli incidenti stradali del 90%.

 

Alcuni veicoli sono addirittura dotati di un sistema di feedback, basato sul web coaching che dice all’automobilista come guidare in quel momento per ridurre le emissioni. Senza dover scomodare la tecnologia, però, per cominciare egli suggerisce di rispettare i limiti di velocità per evitare brusche e continue frenate, mantenere un numero di giri del motore adeguato e ridurre al minimo il binomio acceso-spento-acceso-spento.

 

Il quinto consiglio lo diamo noi e potrebbe essere quello di usare di più la bici sulle corte distanze e il treno su quelle ampie.

 

 

Videocorsi Ambiente

Iscriviti alla Newsletter Aghape Ambiente!

Prossimi Appuntamenti

No current events.

 Widget Emagister Aghape

Mediateca

E-Learning e Contenuti Digitali
Approfondimenti autorevoli
e contenuti di qualita' 

CALENDARIO FORMAZIONE

Accademia dell'Ambiente
Calendario dei prossimi appuntamenti 

Consulenze Ambiente

Consulenze Ambiente
Eccellenza Professionale
ed Etica Personale
Renewable Energy Topsites